29
Ott

Percorsi e viaggi musicali: Laura Mollica e Giuseppe Greco

Sono qui, in un bar del centro storico dell’Avana, e vivo un’esperienza emozionante, di quelle che al giorno d’oggi capitano sempre più raramente: essere in un luogo che l’UNESCO ha dichiarato “Patrimonio dell’Umanità” in compagnia di una persona che dal 2011 è parte del “Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità” dell’UNESCO, unica artista professionista a rientrare nelle espressioni dell’identità culturale della Sicilia. Lo scorso 7 ottobre, Laura Mollica (voce) e Giuseppe Greco (chitarra, percussioni e direzione musicale) hanno affascinato prima, e trascinato poi, il fortunato pubblico della Sala Teatro del Museo delle Belle Arti con uno spettacolo di rara perfezione e di grande coinvolgimento: La vuci mia, presentato nell’ambito del Festival Les Voix Humaines organizzato da Leo Brouwer e Isabelle Hernández.
L’intervista a Laura e Giuseppe inizia con le canoniche 5 domande de “Il bello all’Avana”. A queste, sebbene siano teoricamente rivolte a un unico interlocutore, risponderanno entrambi con una sintonia tale da non richiedere la necessità di specificare chi abbia effettivamente risposto.

Che cos’è il bello all’Avana per te? Il festival ci ha permesso di avere un accesso privilegiato alla città, che non è solo salsa, non è solo questo folclore che può osservare il classico turista. Invece, abbiamo scoperto che c’è un’offerta culturale importante. Parlando poi delle impressioni, del paese, di bello c’è la gente, la popolazione. Pur vivendo in una situazione di sofferenza, di difficoltà, abbiamo potuto riscontrare la dignità della gente, un grande decoro, anche se non hanno risorse. Certo, ci siamo anche accorti che esistono due Avana, due mondi paralleli, quello della gente che ci vive e il gran luna park turistico. Una città di contraddizioni, di contrasti, ma non sarà forse questo il bello dell’Avana? Le forti emozioni che riesce a suscitare, e il “mal di Cuba”, come una volta si diceva invece dell’Africa, che colpisce quanti passano per quest’isola.
Dove ti piace andare con la persona che ami? Perderci per le strade di L’Avana, così, senza una meta precisa. Senza sapere per davvero dove andare.
Se L’Avana fosse qualcosa da mangiare, o da bere, che cosa sarebbe?Ma già lo è!!! Già lo è, è da bere, specialmente… specialmente da bere. E sarebbe quel mojito che abbiamo cercato alla Bodeguita del Medio, in questo siamo stati un po’ turisti. Ma ieri abbiamo incontrato un signore adorabile, un signore cubano che ha lavorato per tanti anni nel mondo dell’arte, e ci ha fatto finalmente provare il rum vero, quello serio per davvero. Ma solo ieri! Sai, abbiamo fatto come quasi tutti, che prima di arrivare all’Avana cercano informazioni, e quindi siamo caduti nella trappola della Bodeguita, forse il peggior posto dove andare a cercare il buon mojito. Ma qualche giorno fa, sempre per strada, un ragazzo ci ha fermati e invece di farci entrare in uno dei soliti locali per turisti, ci ha accompagnato in una specie di bettola, dove però c’era un pianista bravo che compiva 88 anni, e la musica e le bevande erano buone per davvero. Questa è stata la parte migliore, queste variazioni, queste “varianti umane”, un improvviso parlare con qualcuno e modificare quel minimo di programma che ti eri proposto.
Qual è la strada o il quartiere più bello dell’Avana secondo te? Il Malecón, questo lungomare dell’Avana, incantevole. Passare di lì a tutte le ore, di notte con la gente a prendere il fresco, di giorno passare di lì e vedere i bambini che si buttano dalla scogliera per fare il bagno, i pescatori con la canna. Una strada che ci ha accompagnato, per una ragione o per un’altra, praticamente tutti i giorni. Ma non abbiamo capito bene la relazione che ha la popolazione con il mare, che non è propriamente fruibile. Tu entri, e ti scordi che è una città sul mare, è un po’ come Palermo, dove succede la stessa cosa. Entri nella prima traversa e non vedi più il mare.
Ci consigli un locale o un luogo dove andare? Il Chanchullero! Prezzi onesti, pulito, si mangia bene, la birra è fredda, non esci ‘appestato’ di olio fritto come in tanti altri locali. Ma ci siamo trovati bene anche al Topoli, il ristorante iraniano vicino all’appartamento in cui stiamo, e peraltro uno degli sponsor del festival.
A questo punto, (è Laura che parla), vorrei proporre una sesta domanda. Qual è il colore dell’Avana? Assolutamente l’azzurro, con tutte le sue sfumature di turchese, di azzurro, verde acqua. Penso che il colore dell’Avana sia l’azzurro.
La vuci mia. Si è inserito benissimo nel tema del progetto (il titolo del festival è infatti ‘Le voci umane’). È stato un caso o lo avete scelto? No, è il progetto che stiamo portando avanti da anni, su cui lavoriamo e che quest’anno abbiamo già portato in Svizzera; in realtà è un progetto in progress che si arricchisce sempre di nuovi frammenti, svolgiamo una ricerca musicologica costante per poi portare il materiale in scena, dopo averlo ovviamente spettacolarizzato.
E la chiusura del concerto, con il classico Vent’anni, che qui a Cuba è stato interpretato da tutte le grandi cantanti, da autentici mostri sacri della canzone cubana, come Miriam Ramos e Omara Portuondo. Uno scontro fra titani, dal quale sei uscita vincitrice, vista la reazione del pubblico, tutto in piedi ad applaudirti. Sì, è una canzone che ci piace molto, e che quindi volevamo proporre come omaggio alla musica cubana, e avevamo stabilito che se lo spettacolo fosse andato bene, e avessimo avuto richieste di bis, avremmo inserito questo brano, che è veramente una bellissima canzone, intramontabile, e credo che la mia interpretazione sia originale, personale, perché non mi sono ispirata a nessun’altra cantante.  E credo che sia stata molto apprezzata. Incredibile come la musica riesca ad arrivare a tutti, entra nei cuori, nonostante l’ovvia difficoltà di comprendere i testi in siciliano.
Il prossimo progetto? Una rivisitazione del grande poeta Ignazio Buttitta, in una veste un po’ insolita, perché in genere è visto solo come uomo socialmente impegnato, per le sue lotte contro il potere. C’è invece un aspetto di Buttitta che stiamo cercando di portare all’attenzione del grande pubblico, ed è la sua poetica amorosa. Si tratta di una decina di canzoni che abbiamo pensato di proporre in forma bandistica, e con la voce di Laura naturalmente. Una forma, se vuoi, un po’ popolare. È anche un progetto discografico.
E Cuba? Puoi immaginarti, ci auguriamo di tornare! Magari in una delle prossime Settimane della Cultura Italiana a Cuba. Ci piacerebbe portare anche questo nuovo progetto, creando un rapporto nuovo con i musicisti locali, con la loro partecipazione. Sarebbe una cosa bellissima, per noi. Un progetto non solo artistico, ma anche di collaborazione.
                                                                                                      di Angelo Veglia

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *