25
Mar

La vita dopo la morte

È tutto a posto: esiste la vita dopo la morte. Fine delle angosce, fine del pessimismo, fine delle religioni. Ora non ho tutti i dettagli ma è sicuro. Abbiate la pazienza di leggere queste righe fino alla fine e saprete tutto sul vostro destino.
Dunque, vorrei che fosse chiaro che a Cuba tutti quegli spettacoli con donne vestite come Moira Orfei che mostrano la loro bellezza al ritmo di una musica qualunque sono specchietti per le allodole. Servono per togliere dei soldi a canadesi scorticati dal sole e dall’alcol con uno spettacolo mediocre facendo loro credere che Cuba si muova così. Si muove così il loro immaginario da quattro soldi. Il Tropicana ( e mille altri posti simili) è un locale turistico e non solo per i prezzi. È turistico perché crea una realtà che risponde alle aspettative del visitatore, nada mas. Un po’ come i centurioni appostati come rapaci sotto al Colosseo. Monnezza.

Bene, come non mi stancherò mai di ripetere, a Cuba esiste una realtà artistica che passa sotto traccia rispetto al baraccone turistico e che esprime sovente una profondità ed una bellezza che lasciano senza fiato. Un’idea di donna e donne in carne ed ossa lontane anni luce da quell’esposizione anatomica di frattaglie senza vita dei locali più gettonati. Lo dico dopo aver assistito al nuovo spettacolo della Compagnia Retazos nel bellissimo Teatro Martì, luogo storico, appena ristrutturato in un leggerissimo stile liberty che lo rende una specie di cavità all’interno di un cake cubano tutto merengue e panetela. Viene voglia di mordere le poltrone. Io vado pazzo per la compagnia Retazos. Divido la mia vita in un’era PR e in una DR. Oggi, nell’anno 1 DR posso dire che questa compagnia è riuscita a rompere, poco più di un anno fa, la mia avversione cancerosa contro tutto ciò che avesse a che vedere col teatro. Il mio vecchio slogan “una caserma al posto di ogni teatro” e “lavori forzati per gli autori di teatro” non ha più senso. Mi emoziono. Li ho conosciuti per sbaglio. Mesi fa Marco Lo Russo, vero artista italiano della fisarmonica ed amico, mi invita a vedere la prova generale di uno spettacolo che avrebbe presentato il sabato successivo. Un incontro tra la fisarmonica e la poesia in movimento della compagnia Retazos. Presentata così, quei vecchi slogan hanno iniziato a rimbombare nella mia testa come mantra tibetani. Ma poi ho trovato il coraggio di sedermi là e sospendere il giudizio. Bene. Emozioni. Una cascata di cose belle e nessuna banale, nessuna scontata. Una serie di sberle di Mike Tyson e tu sei Alvaro Vitali messo su quel ring senza essere stato avvisato. Ho pianto. Pianto ad una prova generale. Da non credere. Pianto per gente che si muoveva al ritmo di musica. Al ritmo è una parola grossa. Questo gruppo ha superato da tempo l’idea di ritmo e tutto diventa una danza sul baratro della fine, sul baratro di ciò che diventa assurdo un secondo dopo, una danza continua su questo magma del quale continuamente cerchiamo il verso. Penso alla morte. A quegli intrecci inaspettati con l’amore, con il rompicapo per niente spassoso del tempo. La mia testa vomita nomi di filosofi dimenticati, una poesia di Giovanni Giudici, una canzone semplice, gli occhi di una donna. Esco di fretta. Quel giorno, dopo quella prova generale esco di fretta. Faccio i complimenti a Marco e alla direttrice della compagnia, Isabel Bustos, che Marco mi presenta. Resto così, a godermi l’eco di quell’emozione nuova, dell’alba di una nuova era personale.
Dopo quella prova generale ho avuto modo di vedere molti altri spettacoli di Retazos ed ogni volta sono uscito con la netta sensazione di aver assistito ad una manifestazione di arte enorme. E quando l’arte è enorme non può non convergere in qualche modo con la spiritualità. Dunque, per non venir meno alla mia promessa dell’incipit in verità vi dico: dio in questa fase della storia dell’uomo si è incarnato in una tizia che si chiama Alina Ramirez. Dire che è una ballerina della Compagnia Retazos è come dire che Gesù era uno scemotto con la barba che bazzicava Betlemme. Alina Ramirez é un’artista geniale. Isabel Bustos è  intelligente e lo sa. Fosse per lei, forse, le lascerebbe il palco libero e le direbbe: “Alina, fai quello che ti pare, poi chiudi la porta…”, ma non lo fa. Ogni cerimonia ha bisogno della sua liturgia e quindi Alina è in una compagnia e divide lo spazio con altre ballerine bravissime. Ma lei è un’artista. Ne sentirete parlare. E se non ne sentirete parlare è perché qualcuno la avrà crocifissa. La differenza tra il ballare e fare arte. Ce l’ho ancora negli occhi. Resta a lungo negli occhi. L’altro giorno mi ha detto che non può essere tutto qui. Me lo ha detto ballando. Che non può finire tutto col cuore che smette di battere. Me l’ha detto in un momento preciso del secondo tempo. Non saprei spiegarvi con esattezza come ma ho precisa ancora con me quella sensazione che mi ha fatto dire “non finisce tutto qui, non finisce…”.
Ho avuto la fortuna di conoscere Alina Ramirez personalmente. Qualche mese fa ha onorato con la sua presenza un’attività che avevo organizzato per la settimana della cultura italiana a Cuba e nella quale si parlava di pazzia e lo ha fatto attraverso una performance indescrivibile che ha lasciato tutti a bocca aperta. Parlandoci ho conosciuto una ragazza giovane, timida e modesta. Quasi inconsapevole, leggera, come una divinità allegra. Di persona finisce sempre che si dicono fesserie. Beh, con queste righe voglio riparare: ti adoro, ti adoriamo.
Non so, si è capito che consiglio gli spettacoli del gruppo Retazos? Andateci. Rompete la pigrizia. Non ficcatevi in qualche serata idiota, andate in calle Amargura numero 61 tra San Ignacio e Mercaderes, a L’Avana Vecchia, ed assistete a qualunque cosa Retazos proponga. Vale il prezzo di un intero viaggio.  
Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *